Spinning

Schermata 1Lo spinning è un’ attività aerobica che ha avuto una grande diffusione negli ultimi anni, da quando la disciplina è stata importata dagli Stati Uniti in Europa nel 1996.

Prende origine dall’allenamento indoor praticato dai ciclisti professionisti, il suo inventore fu Johnny Goldberg, professionista del ciclismo americano che ha perfezionato l’allenamento rendendolo disponibile ad essere praticato in tutte le palestre del mondo. Lo spinning si differenzia da un classico allenamento indoor per il ciclismo dall’alternanza continua di varie tipologie di pedalata e da un efficiente stimolo di coinvolgimento fornito dall’istruttore, il tutto a ritmo di diverse tracce musicali. Lo spinning si pratica con lezioni di gruppo, sta alla bravura dell’istruttore cercare di trascinare il più possibile i ciclisti in un percorso emotivo che li coinvolga al punto tale da fargli superare la fatica e pedalare così al massimo delle proprie possibilità.

La bicicletta da spinning si differenzia dalla classica cyclette in quanto possiede un grande disco metallico che funziona da volano, una volta acquistata la rotazione il volano produce un effetto che riproduce l’effetto di una pedalata in bicicletta su strada. Il volano è dotato di freni che azionandoli con diverse intensità incrementano la resistenza meccanica alla rotazione e quindi la forza necessaria per compiere una pedalata, anche il manubrio è studiato per acquisire durante il movimento diverse posizioni di esercizio.

Le lezioni di spinning durano un’ora ed è un ottimo allenamento aerobico, sollecita in maniera particolare il sistema cardiovascolare e produce così un grosso dispendio di calorie. è quindi una disciplina consigliabile a tutti coloro che cercano un sistema di allenamento aerobico efficace ad alta intensità e a coloro che hanno intenzione di perdere qualche chilo per raggiungere lo stato ottimale di forma fisica, l’elevato coinvolgimento psicologico rappresenta inoltre un valido aiuto per chi tende a perdere la costanza di allenamento nelle discipline di allenamento meno dinamiche.

Un allenamento aerobico a media-alta intensità produce notevoli benefici; sia psichici che organici, rallenta i processi di invecchiamento delle ossa, stimolandone il metabolismo e riducendo la perdita di sostanza, migliora la tonicità muscolare e tendinea, migliora le capacità motorie e la coordinazione neuromotoria. A livello cardiaco lo spinning produce dei benefici legati ad un incremento della riserva cardiaca e coronarica, aumenta la gittata cardiaca, ossia il volume di sangue spinto al minuto, i vasi sanguigni acquistano elasticità ed i valori della pressione sanguigna tendono verso la normalità. La pratica costante di attività aerobiche favorisce la resistenza allo stress e la produzione endorfine rilassa lo stato psichico combattendo in maniera efficace e naturale stati leggeri di stress, depressione e ansia.

L’allenamento originale dello spinning prevede una configurazione di postura costituita da 5 principali movimenti e 3 posizioni delle mani sul manubrio. Le posizioni riproducono fedelmente i movimenti eseguiti dai ciclisti mentre pedalano seduti in pianura, in salita, oppure in piedi sui pedali in pianura ed in salita.

Seduti in pianura: è la posizione base che consente a chi si avvicina per le prime volte di abituarsi allo sforzo e incrementare man mano la resistenza.
Seduti in salita: è un movimento che coinvolge in maniera specifica gli arti inferiori, facendo lavorare i glutei, quadricipiti, femorali e polpacci, si differenzia dal movimento precedente per una maggiore resistenza della pedalata che comporta una minore frequenza di pedalate al minuto.
In piedi in pianura: in questo caso il movimento è eseguito in piedi sui pedali affrontando una resistenza leggera o moderata, utile per sviluppare resistenza allo sforzo.
In piedi in salita: movimento che trova una maggiore resistenza rispetto al precedente, richiede forza e coordinazione, attiva in maniera particolare il muscolo quadricipite.
Esistono comunque un’ampia gamma di varianti spesso messe a punto direttamente dagli istruttori in palestra, alcune di queste prevedono anche movimenti con gli arti superiori.
Lo spinning è una disciplina che coinvolge in modo intenso l’apparato cardiovascolare, si consiglia pertanto un consulto dal proprio medico curante prima di intraprendere un allenamento in palestra.

Una lezione di spinning:

Una lezione classica di spinnig inizia con un riscaldamento di qualche minuto, stretching degli arti inferiori e superiori, in modo da attivare muscoli, legamenti e tendini in vista dello sforzo che dovranno sopportare durante la lezione.

Una volta saliti sulle bici inizia la prima fase di riscaldamento, l’obiettivo di questa fase è quello di far salire in maniera progressiva e graduale la frequenza cardiaca e attivare i processi fisiologici di adattamento allo sforzo del sistema muscolare e respiratorio, la fase dura dai 5 ai 10 minuti e prevede una pedalata agile con una frequenza di 60-70 Rpm pedalate al minuto.

In seguito alla fase di riscaldamento inizia l’allenamento vero e proprio, durante il quale vengono applicate tutte le varianti di postura, tutte le alternanze di intensità dello sforzo in modo da far lavorare i muscoli bersaglio e fornire un adeguato stimolo alla resistenza. Questa fase dura circa 30 minuti.

Segue la fase di defaticamento, durante la quale si mantiene una frequenza di pedalata dalle 70 alle 80 Rpm così da ristabilire gradualmente lo stato fisiologico relativo ad uno sforzo di bassa intensità.

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail