Testosterone

Schermata 1
Il testosterone è un ormone che possiede un considerevole effetto anabolizzante sul tessuto muscolare. In aggiunta ai suoi effetti sulla muscolatura, il testosterone possiede la capacità di interagire con i recettori nervosi, incrementando la quantità dei neurotrasmettitori rilasciati, proteggendo i nervi e incrementando le dimensioni delle cellule. La maggior parte di testosterone è generata e secreta dalle cellule di Leyding situate nei testicoli, una piccola parte viene comunque secreta dalle ghiandole surrenali e dalle ovaie nella donna.

La maggior parte di testosterone circolante nel sangue è legata alle albumine (30-40%) o alla globulina legante gli ormoni sessuali SHBG; la principale proteina di trasporto plasmatico degli ormoni steroidei sessuali che regola la loro biodisponibilità per i tessuti target (60%). Il restante 2% di testosterone circolante resta in uno stato libero, ovvero la forma biologicamente più attiva disponibile per essere utilizzata dai tessuti. La forma libera esplica i suoi effetti legandosi ai recettori presenti nel citoplasma delle cellule, successivamente si attiva un sistema di trasporto che conduce il testosterone all’interno del nucleo cellulare; dove interagisce direttamente con il DNA.

Anche se gli effetti del testosterone sono comunque visibili in assenza di attività fisica, una sua azione se combinata con l’attività fisica, in particolare con la stimolazione muscolare anaerobica, enfatizza notevolmente gli effetti del tesosterone promovuendo l’anabolismo sul tessuto muscolare.

L’effetto anabolizzante si traduce in un incremento dei tempi di turnover proteico; incentiva quindi la sintesi proteica ed inibisce la degradazione delle proteine del tessuto muscolare.

Uno degli effetti indiretti del tesosterone è quello di incentivare anche la secrezione di altri ormoni anabolizzanti come il GH (ormone della crescita).

Anche le cellule satellite sono suscettibili all’azione del testosterone, è infatti dimostrato che l’ormone promuove la replicazione e l’attivazione delle cellule satellite.

La produzione naturale di testosterone è incentivata dall’attività fisica, alcuni studi scientifici hanno dimostrato una stretta correlazione fra l’allenamento fisico mirato alla produzione di testosterone e massa muscolare, appare quindi evidente che le risposte metaboliche indotte dall’attività fisica anaerobica giocano un importante ruolo nello sviluppo ipertrofico della muscolatura scheletrica.

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail