Lat machine

Schiena-Lat-MachineLa lat machine è eseguibile esclusivamente all’apposita macchina che da il nome all’esercizio. Stimola differenti gruppi muscolari a seconda della variante scelta. Le varianti comuni sono 4: sbarra portata al petto, sbarra portata dietro la nuca, ad impugnatura neutra ed a braccia tese. Verrà trattata la variante più comune, ossia la lat machine con sbarra al petto. Questo esercizio stimola i muscoli: Gran Dorsali, Gran Rotondi, Bicipiti Brachiali, Brachiali Anteriori e in minor misura i Romboidi ed il Gran Pettorale.

Esecuzione dell’esercizio
Seduti, di fronte alla macchina con le gambe bloccate, sbarra impugnata in pronazione (palmi verso avanti) e mani distanti quanto si vuole.
Inspirare e portare la sbarra al petto gonfiando il torace e arretrando i gomiti (FASE CONCENTRICA).
Espirare e ritornare alla posizione di partenza (FASE ECCENTRICA). Ritornare al punto 2.

Tempi e modi di esecuzione
L’esercizio può essere eseguito con la variante dell’impugnatura e del passo della presa. Impugnando la sbarra in supinazione (palmi verso se stessi) verrà posto più carico sui Bicipiti Brachiali e sui flessori dell’avambraccio e sul fascio clavicolare del Gran Pettorale diminuendo il lavoro della schiena. Allargando la presa verrà invece aumentato il lavoro sui Gran Pettorali e sui Gran Dorsali (diminuendo quello delle braccia), stringendola invece viceversa.

Scopo dell’esercizio
Lo scopo dell’esercizio è sviluppare la muscolatura della schiena e delle braccia (in minore misura quella del petto).

Sport associabili
L’esercizio è associabile a sport che richiedono una trazione verso il basso o verso indietro, ad esempio la scalata, il canottaggio, il kayak, etc …

ATTENZIONE
Non vi sono particolari precauzioni da prendere in quanto l’esercizio in sé alla macchina è molto sicuro. Unica attenzione da porre è alla fase eccentrica, il carico non va lasciato troppo rapidamente, pena uno strappo. La lat machine è un esercizio propedeutico per la sua variante più complessa ed efficace, la trazione alla sbarra.

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail
Tags: