Curl con barra ez

Bicipiti-Curl-EZLa barra EZ deve il suo nome al suo particolare zig zag della sbarra che consente un impugnatura leggermente più anatomica delle normali sbarre diritte. Il curl si esegue in piedi con presa supina o prona (tratterò la supina in quanto è la più diffusa). L’esercizio sviluppa i muscoli Bicipite Brachiale (tutti i suoi capi) ed il Brachiale Anteriore, oltre che tutti gli altri muscoli coinvolti nel gesto minore come il fascio clavicolare del Gran Pettorale.

Esecuzione dell’esercizio (presa supina)
• In piedi, schiena diritta, bilanciere afferrato con mani in supinazione a passo poco superiore alle spalle.
• Insipirare, flettere gli avambracci, contrendo isometricamente tutti gli altri muscoli posturali (FASE CONCENTRICA).
• Espirare e ritornare in posizione di partenza (FASE ECCENTRICA). Tornare al punto 2.

Tempi e modi di esecuzione
Le varianti riguardanti il passo della presa sono due: mani ravvicinate o allontanate. A mani ravvicinate si concentra il lavoro sul capo lungo del Bicipite Brachiale. A mani distanziate invece si concentra il lavoro sul capo breve del Bicipite Brachiale.
Sollevando a fine flessione degli avambracci i gomiti, leggermente, si sposta parte del lavoro anche sui fasci anteriori dei Deltoidi.
La variante a presa prona concentra maggiormante il lavoro sui muscoli degli avambracci come il primo ed il secondo Radiale, Estensore delle Dita, Estensore del Mignolo, Estensore Ulnare del Carpo ed il Lungo Supinatore. Vengono sollecita leggermente meno i Bicipiti Brachiali ed il Brachiali Anteriori.

Scopo dell’esercizio
Lo scopo dell’esercizio è di sviluppare la parte anteriore delle braccia e in minore misura la parte superiore del petto.

Sport associabili
L’esercizio è di muscolatura limitata, non è indicato a livello specifico per nessun particolare sport tranne per qualche gesto tecnico particolare o per allenamento generale.

ATTENZIONE
Essendo eseguito in piedi, senza supporti, è importante non inarcare la schiena in avanti o indietro (per facilitare il sollevamento) ed isolare i muscoli giusti per la flessione degli avambracci.

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail