Alimentarsi durante l’allenamento

Schermata 1Recenti studi hanno dimostrato l’effetto positivo che l’apporto di carboidrati può fornire se assunto durante la prestazione fisica (Sugiura K. et al.), in modo particolare per le sessioni di allenamento che durano almeno un ora. L’apporto di carboidrati, spesso assunti per mezzo di bibite sportive con una percentuale di carboidrati dal 6% all’8% risulta importante qualora l’allenamento si svolga la mattina, il digiuno notturno causa infatti un notevole calo delle riserve di glicogeno epatico, ecco quindi che una lieve integrazione di carboidrati può essere d’aiuto per fornire rapidamente 6energia durante l’esercizio fisico.

Per sforzi prolungati, oltre l’ora di allenamento, è stato dimostrato che l’assunzione di 0,7g di carboidrati X Kg di peso corporeo è efficacie in quanto aiuta a prolungare lo sforzo fisico. L’integrazione di carboidrati durante la prestazione sportiva è importante anche in situazioni di atleti con un basso carico di glicogeno, laddove non si sia consumato alcun pasto prima dell’allenamento, o quando sia in atto una dieta ipocalorica mirata ad esempio alla riduzione del peso.

L’assunzione di carboidrati durante l’esercizio deve essere di piccola entità e continua, ad esempio per uno sforzo di 2 ore sarà necessario bere piccoli sorsi ogni 15-20 minuti.

I carboidrati maggiormente indicati sono: glucosio, fruttosio (meglio se insieme) e le maltodestrine. In base poi ai gusti personali si può scegliere se utilizzare bibite sportive,snack o gel.

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail