La creatina ed i meccanismi energetici

Schermata 1L’energia ricavata dagli alimenti non viene impiegata direttamente dalle cellule, ma viene invece incamerata sotto forma di un’altro legame chimico in una molecola chiamata ATP.

L’ATP adenosin trifosfato è una molecola altamente energetica che viene spesa come moneta univerale per tutte le funzioni cellulari che richiedono energia. Ogni cellula produce continuamente molecole di ATP per poi impiegarle nelle loro funzioni, si viene a creare così un vero e proprio bilancio in un ciclo continuo di produzione ed utilizzo dell’energia.

L’ATP legandosi con l’acqua e in presenza di uno specifico enzima, l’adenosin trifosfatasi, libera una parte della sua struttura rappresentata dal gruppo fosforico e si viene a formare una nuova molecola: l’ADP adenosin difosfato. Tale reazione libera 7,3 Kcalorie per mole di ATP scissa in ADP.

In questo caso l’energia liberata dall’ATP viene trasferita direttamente ad altre molecole, ad esempio nel muscolo l’energia liberata va a legarsi in siti specifici sulle unità contrattili e ciò causa la contrazione. Il processo di scissione dell’ATP avviene sia in presenza che in assenza di ossigeno, processo aerobico e anaerobico, in ogni momento la cellula possiede una scorta di energia prontamente utilizzabile.

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail